Come illuminare con le Tesate

Gilberto Lombardi light designer  vi offre una serie di consigli su come illuminare al meglio i vostri ambienti.Il sistema d’illuminazione “tesata” è un sistema molto efficace per l’illuminazione di vari ambienti che necessitano di luce diffusa e che per svariate ragioni, il punto luce, non si trova nella posizione adeguata per il nostro scopo. Le tesate sono molto utilizzate per l’illuminazione di mansarde, corridoi stetti e lunghi, spazi ampi e poco luminosi tipo tavernette. Il funzionamento della tesata si basa sulla trasmissione della corrente nei cavi tesi, a cui sono collegati i vari corpi luce.Per fare una scelta adeguata sul tipo di luci e la quantità di corpi luce da installare, vi consigliamo di affidarvi ad un esperto perchè potrà, tramite le misure dell’ambiente da illuminare, consigliarvi e darvi la giusta alternativa per non avere poca o troppa luce.I vari tipi di “sistema tesata”:

Le tesate si suddividono in 2 grandi famiglie:

  • Tesata a bassa tensione 12V
  • Tesata 220V

Tesata a bassa tensione 12V:

Questo tipo di tesata ha una linea molto leggera. La sua caratteristica principale è quella del funzionamento a bassa tensione cioè, all’uscita dei nostri fili, che possono essere al soffitto o alla parete, si collega un trasformatore che serve proprio per trasformare la corrente che noi abbiamo a disposizione che è a 220V in 12V. Generalmente il trasformatore è inserito in un contenitore che permette di isolare la corrente  ed ha anche uno scopo estetico/decorativo. Da questo trasformatore partono 2 cavi rivestiti che si vanno a collegare ai cavetti d’acciaio che sono tesi da parete a parete tramite un fissaggio a tasselli e sulla lunghezza dei cavetti d’acciaio si fissano i corpi luce. In questo tipo di tesata, i cavi tesi, devono sempre essere 2. I cavi possono andare da parete a parete, oppure, per esigenze particolari, tramite un attacco apposito, si possono anche fissare al soffitto. A questo tipo di tesata si possono applicare diversi corpi luce, es.:

  • Bacchette che montano lampadine con attacco G4 o G6.35 dette anche bispina, che possono essere alogene o a led. Con questo tipo di lampadina, possiamo ottenere una luce diffusa ed omogenea.

  • Faretti orientabili anch’essi alogeni o a led, ideali per un’illuminazione diretta e concentrata. Per mettere in risalto varie situazioni strutturali oppure per illuminare in profondità un determinato elemento, come per esempio, l’interno di un guardaroba.

  • Sospensioni in vetro molto decorativi e scenografici, per chi ha gusti un po’ più classici e legati alla tradizioni dell’illuminazione a lampadario.

  • Tesate con elementi misti, per varie esigenze sia di luce diffusa che mirata.

 

Tesata a 220V:

La tesata a 220V, rispetto alla tesata a 12V, non ha bisogno di trasformatore perchè sfrutta la corrente che abbiamo a disposizione nei nostri locali. Il cavo di questa tesata è rivestito di gomma proprio per isolare il cavo che trasmette la corrente. Anche in questo caso i cavi possono andare da parete a parete oppure, sempre tramite un attacco particolare, si possono fissare al soffitto.La tesata 220V non ha alcun limite di portata massima di corpi luce, in quanto non avendo un trasformatore che limita il numero di luci installabili, possiamo andare ad applicare a questa tesata potenze anche molto alte. Le tesate a 220V a loro volta si dividono in tesata monocavo e tesata a 2 cavi che possono inoltre essere con interasse stretto (distanza da cavo a cavo) circa 15cm e interasse 30cm.

  • Tesata monocavo

Utilizzata principalmente con i faretti spot, molto versatile e poco invasiva.

            

 

  • Tesata doppio cavo

La tesata a doppio cavo, come già anticipato, si può avere con 2 tipi di interasse, quello più stretto, circa 15cm da cavo a cavo, viene utilizzato principalmente per ambienti domestici, mentre, la tesata con interasse 30 cm è molto più utilizzata per illuminare uffici, negozi e ambienti molto ampi.  Nelle tesate con doppio cavo generalmente si montano sia corpi illuminanti a luce diffusa, che luci a spot per creare vari scenari luminosi. Dare sì luce all’ambiente ma mettere in risalto anche alcuni dettagli.

            

L’ultimo ritrovato nel campo delle tesate, è l’utilizzo della strip led con profili in metallo, nuovissime tecnologie che rendono ancora più leggere ed invisibili questi sistemi di luce. Il fascio in metallo si tende sempre da parete a parete e la luce scaturisce dalla strip led, che generalmente non va installata a vista, quindi questo tipo di tesata è preferibile installarla per chi desidera un’illuminazione di tipo indiretto. Anche questa è una tesata che necessita di trasformatore, che anche in questo caso, può essere inserito in una scatola oppure si può installare in una scatola di derivazione prevista in fase di costruzione o ristrutturazione dell’ambiente che deve essere illuminato.

                  

Con questo piccolo excursus abbiamo affrontato quello che è un tema ricorrente a abbastanza complesso nella scelta e nell’utilizzo delle tesate.Utilizzate le indicazioni  fornite per farvi consigliare al meglio da un  LIGHT DESIGNER.Il professionista in base alle caratteristiche del vostro ambiente vi darà il giusto consiglio su quale tesata scegliere e quanti corpi luce sono necessari per illuminare al meglio i vostri spazi.

In questo link altre immagini di nostre realizzazioni di illuminazione con tesate.

Da Lombardi Lampadari potrai vedere tutte le varie possibilità, esposte nello  showroom di via Montegrappa 50 in Alessandria ed inoltre potrai chiedere consiglio al personale altamente qualificato.Vi ricordo che per consigli o chiarimenti mi potete inviare una mail accompagnata da foto e piantine.

 

Gilberto Lombardi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *